EDDIE VEDDER INDOSSA LA MASCHERA DI DONALD TRUMP SUL PALCO DI UN CONCERTO IN CILE


Lo aveva già fatto meno di 2 anni fa; ebbene, il frontman dei Pearl Jam Eddie Vedder lo ha fatto di nuovo! Durante la performance della band di Seattle al Parque O’Higgins di Santiago del Cile, nell’ambito del Festival Lollapalooza Chile, il 53enne cantautore e musicista statunitense (membro di spicco del movimento grunge del quale ha fatto parte) ha indossato una maschera di Donald Trump e ha salutato il pubblico.
Mentre la band era impegnata a suonare la parte finale di “Alive” (una delle più celebri canzoni dei Pearl Jam, tratta dal loro album d’esordio “Ten” del 1991), Vedder, con un tuffo degno di un portiere di calcio, ha raccolto sul palco una maschera di gomma lanciatagli da uno spettatore. Rialzatosi in piedi, l’ha quindi indossata, trasformandosi così in un Donald Trump dotato anche di naso rosso da clown!
E mentre “Alive” pian piano sfumava in sottofondo, Vedder, spalle rivolte al pubblico, ha vistosamente ancheggiato, per poi guardare di nuovo gli spettatori e sorseggiare un po’ di vino, direttamente da una bottiglia.
Una scena simile era già stata vista il 9 aprile 2016 a Fort Lauderdale in Florida: all’epoca, sul palco della American Airlines Arena, il cantante si era infilato una maschera che ritraeva Trump, allora candidato di punta del partito repubblicano, e aveva inscenato un ridicolo balletto per ridicolizzare il tycoon newyorkese.
Gli orientamenti politici di Eddie Vedder non sono mai stati un mistero: da sempre liberale, sostenitore del partito democratico, il musicista originario di Chicago durante un’esibizione a Denver nel 2003, aveva indossato una maschera raffigurante George W. Bush intonando il brano dei Pearl Jam intitolato “Bushleaguer”, dedicato proprio al predecessore di Barack Obama.
E tornando all’attuale Presidente degli Stati Uniti…. Lo scorso 13marzo i Pearl Jam hanno lanciato un nuovo singolo, che dovrebbe far parte del prossimo album, in uscita (dicono i bene informati) prima dell’estate. Il pezzo, che arriva a 5 anni di distanza dal loro più recente lavoro “Lightning Bolt” del 2013, è prodotto da Brendan O’Brien (storico produttore discografico dei Pearl Jam) e reca evidenti riferimento all’attuale amministrazione statunitense e al Presidente Trump. Il testo dice: “Puoi essere ricco ma non puoi respingermi / non ho nulla, nulla, se non la volontà di sopravvivere. / Tu pianti i tuoi semi di menzogne / Guarda come le radici / prendono piede / Il paese che ora stai avvelenando / Condizione critica”
I Pearl Jam arriveranno in Italia con il loro tour il 22 giugno a Milano (I-Days Festival), il 24 giugno a Padova (Stadio Euganeo) e il 26 giugno a Roma (Stadio Olimpico)

Fonte: Corriere quotidiano – EDDIE VEDDER INDOSSA LA MASCHERA DI DONALD TRUMP SUL PALCO DI UN CONCERTO IN CILE