Erasmus: tutte le novità per chi vuole studiare all'estero


A 30 anni dal varo del programma di scambi internazionali, sempre di più sono i ragazzi che frequentano l’università e che vogliono partecipare. Dall’inizio del programma fino a oggi, gli studenti universitari complessivamente coinvolti a livello europeo hanno superato i 4 milioni. L’Italia ha contribuito per il 10%, posizionandosi tra i quattro principali Paesi per numero di giovani in partenza per esperienze di studio verso destinazioni europee, dopo Spagna, Germania e Francia.
La dotazione di quest’anno è aumentata di 200 milioni di euro rispetto al 2017, pari a un incremento dell’8%. Ricordiamo che quest’anno ci saranno più soldi per gli studenti con condizioni economiche svantaggiate, inoltre, almeno il 50% della borsa sarà erogato prima della partenza. Fino ad oggi, la prima parte di borsa era data entro 30 giorni dalla firma dell’accordo di mobilità, il restante al rientro.
Un’altra grande novità è quella relativa alla possibilità di effettuare più volte la mobilità, fino ad arrivare ad una somma massima di 12 mensilità per ciascun ciclo di studio (laurea triennale, laurea magistrale e dottorato) e 24 mensilità per le lauree a ciclo unico
Diversi atenei si sono attivati già da tempo per la pubblicazione del bando. In alcuni casi i termini sono già scaduti. In altri, invece, rimangono ancora dei giorni per potersi candidare per la partenza. Per consultare i vari bandi e verificare termini di scadenza e la data di pubblicazione delle graduatorie finali basta andare sui siti Internet delle singole università. Qui di seguito, i bandi ancora aperti dei principali atenei, elaborato dal portale Skuola.net: Roma Sapienza: fino al 14 marzo (risultati tra marzo e aprile 2018, architettura a maggio); Università di Udine: fino al 12 marzo (risultati dopo il 30 marzo); Università di Catania: fino al 19 marzo (risultati entro fine aprile); Università di Trento: fino al 24 aprile (risultati entro il 25 maggio);  Università di Palermo: fino al 26 marzo.

Fonte: Corriere quotidiano – Erasmus: tutte le novità per chi vuole studiare all’estero