Florida, la dog therapy aiuta gli studenti a tornare a scuola dopo la sparatoria


Sono passate due settimane dalla strage avvenuta nel liceo Marjory Stoneman Douglas di Parkland, in Florida. Dopo il dolore e le numerose proteste contro la diffusione delle armi negli Stati Uniti, gli studenti e gli insegnanti stanno cercando di tornare alla normalità. Il preside dell’istituto, Ty Thompson, vuole agevolare in ogni modo possibile i suoi alunni affinché possano tornare sui banchi di scuola con maggiore tranquillità. Così ha deciso di ricorrere a delle sessioni di dog therapy, pratica nota per la sua efficacia nel superamento dei traumi. Diversi esemplari di cani hanno quindi varcato la soglia dell’istituto e passato del tempo con studenti e insegnanti, portando un sorriso dopo la tragedia.
Chi possiede un cane o chi ha modo di condividere con lui alcuni momenti della giornata, anche se temporalmente circoscritti, sa bene cosa voglia dire beneficiare di una presenza calorosa, in grado di esprimere dell’affetto, un bisogno di attenzione e contatto fisico, un interesse e disponibilità illimitati, privati di ogni forma di pregiudizio.
L’effetto di questo contatto è molto gratificante e in grado di fornire un senso di calma e pace. Questa capacità, unita a quella funzione del cane di “catalizzatore dei rapporti sociali”, cioè di agevolatore di una qualsivoglia forma di contatto sociale, rende il cane, come altri animali da compagnia, un potente strumento nel campo della riabilitazione.

Fonte: Corriere quotidiano – Florida, la dog therapy aiuta gli studenti a tornare a scuola dopo la sparatoria