L’editoria italiana? La continuano a salvare i ragazzini (gli unici che leggono)


Ignoranti, menefreghisti e analfabeti di ritorno, dicevamo, eppure, quanto meno nel piccolo campo da gioco dell’editoria, sono proprio loro, il pubblico dei ragazzi, degli adolescenti, dei “giovani” quelli che tengono la barra dritta dell’intero baraccone, e lo fanno da diversi anni. L’editoria salvata dai ragazzini, giusto per ricordare (continua a leggere su Linkiesta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *