Pirelli centra target operativi, ebit 2018 +9%


 Pirelli raggiunge tutti i target operativi 2018 con ricavi pari 5,2 miliardi di euro (+3,7% la crescita organica), ebit adjusted a 955 milioni di euro (+9%) con un margine ebit adjusted in crescita al 18,4%. Il gruppo ha registrato un rafforzamento in tutte le aree geografiche sul segmento High Value, che oggi rappresenta il 63,7% dei ricavi complessivi. I volumi High Value hanno registrato una crescita dell’11% con un miglioramento delle quote di mercato sul Car New Premium.
    L’accelerazione del programma di efficienze a partire dal terzo trimestre (70 milioni di euro nell’intero 2018, 1,3% dei ricavi) ha più che compensato l’inflazione dei costi (-48 milioni), precisa una nota, e “la rapida implementazione di azioni di recupero sui costi (circa 50 milioni di euro) ha risposto al peggioramento dei trend di mercato sullo Standard nei paesi emergenti, in particolare in Sud America”.
Pirelli, dopo aver centrato i target operativi del 2018, prepara il nuovo piano industriale al 2022 che presenterà entro fine anno e che, anticipa il gruppo, “rifletterà il nuovo scenario economico, il proseguimento nella riduzione più accelerata rispetto al piano originario dei volumi standard, i cui impatti saranno prevalentemente coperti dai benefici fiscali del patent box, e il rafforzamento dei programmi di trasformazione (decomplexity, contenimento costi e digital transformation) a supporto del maggiore sviluppo dell’high value”. Pirelli inoltre, si legge in una nota, “conferma l’obiettivo 2020 ‘inferiore a 2 volte’ del rapporto fra posizione finanziaria netta ed Ebitda Adjusted previsto dal piano industriale presentato in sede di IPO”.
Per il 2019 prevede ricavi in crescita tra il 4% e il 6% rispetto ai 5.194,5 milioni di euro del 2018, sostenuta dal rafforzamento sull’High Value (67% il peso sui ricavi rispetto al 64% nel 2018) e dal continuo miglioramento del price/mix (+5%/+5,5%); volumi High Value in aumento di circa l’11% e accelerazione della riduzione nell”esposizione al segmento Standard (volumi -10/-9%); volumi complessivi: tra 0 e +1% rispetto al 2018 e un impatto dei cambi pari a -1%/-0,5%. La profittabilità è attesa in crescita con un margine Ebit adjusted pari a circa il 19% (18,4% nel 2018) sostenuta dal miglioramento delle leve interne (prezzo mix ed efficienze di costo). Il peso dell’High Value sull’Ebit adjusted ante costi di start-up pari a circa l’85% (circa l’83% nel 2018) e i costi di start-up pari a circa 40 milioni di euro (47,7 milioni di euro nel 2018) destinati a rafforzare il programma di trasformazione digitale della società, il continuo sviluppo delle soluzioni Cyber e l’avvio dell’attività produttiva della nuova JV in Cina. Pirelli infine prevede investimenti pari a circa 430 milioni di euro, in linea con il dato del 2018.   
Fonte: Corriere quotidiano – Pirelli centra target operativi, ebit 2018 +9%